OGNI GIOVEDI'
Visite guidate alle ore 10.30 con degustazione di prodotti tipici.

*su prenotazione presso l'ufficio unico del turismo
 


 

 

Riapertura

Riapre al pubblico, dopo quasi due anni di chiusura la limonaia del Prà de la Fam. Messo in sicurezza e ripulito nei giorni scorsi, lo storico giardino d'agrumi...

1 Luglio 2011

‚Äč

Gli agrumi sono originari della Cina e dell'India, da dove si diffusero in tutto il mondo. La loro comparsa in Europa si fa coincidere con l'arrivo degli Arabi, intorno al Mille; alcuni studiosi ritengono che la Sicilia sia stata la prima regione italiana a coltivarli, "probabilmente sotto l'influenza islamica prima e normanna poi" . 

       
Iscriviti alla news letter
Accetto condizioni sulla privacy. Leggi

News

Gli agrumi dall'oriente al Garda
01/01/1970 01:01 Tebaide

Gli agrumi sono originari della Cina e dell'India, da dove si diffusero in tutto il mondo. La loro comparsa in Europa si fa coincidere con l'arrivo degli Arabi, intorno al Mille; alcuni studiosi ritengono che la Sicilia sia stata la prima regione italiana a coltivarli, "probabilmente sotto l'influenza islamica prima e normanna poi" . 
Sul lago di Garda furono portati dalla Riviera ligure nel corso del sec. XIII dai frati del convento di San Francesco di Gargnano. Dal loro giardino, che ancora a fine Ottocento era detto "primo, perché fu il primo fabbricato e coltivato" , si diffusero a Toscolano Maderno.
Nel settembre1464 l'antiquario veronese Felice Feliciano scrisse che Toscolano era «luogo non solo lieto e profumato degli effluvi floreali dei rosai e delle fioriture purpuree, ma ombreggiato altresì, per ogni parte, dai rami frondosi di limoni e di cedri» ; nel 1483, anche Marin Sanudo riferì di "zardini de zedri, naranzari et pomi damo" presenti lungo la Riviera.
Nel Cinquecento Bongianni Grattarolo annotò: "Ha nella riva del lago di garda per forse dieci miglia da Salò a Gargnano molti giardini, che di amenità non cedono a quei che scrissero i poeti di Atlante, di Alcinoo, e dell'Hesperidi, copiosi in ogni stagione dell'anno di tutti quei pomi ch'hanno la scorza d'oro".